Come idratarsi con questo caldo record

Bere in ufficio è fondamentale per idratare l’organismo

Nelle giornate calde bere molta acqua è fondamentale. Ecco cosa fare per evitare la disidratazione e le alternative all’acqua per idratare l’organismo.

L’estate 2019 è l’estate più torrida degli ultimi anni: dopo una prima vampata di caldo che ci ha tenuto compagnia a fine giugno, anche questo luglio non è da meno e una nuova ondata di alta pressione sub tropicale porterà le nostre città a superare i 40°, soprattutto al Centro e al Sud.
Cosa possiamo fare per proteggerci dai colpi di calore e mantenere il nostro corpo idratato senza rinunciare alla nostra quotidianità? Ecco qualche consiglio.

Idratarsi in ufficio

Non tutti possono permettersi di fuggire dal caldo cittadino e tuffarsi in mare, e molti di noi devono restare in ufficio nonostante l’afa. Se gli impianti di condizionamento donano un po’ di tregua, però, non dobbiamo dimenticare che solo l’acqua può davvero aiutarci a stare meglio e reintegrare i sali minerali persi con la sudorazione. Durante gli orari lavorativi, procurati una bottiglia da avere sempre a portata di mano, bevi frequentemente un bicchiere d’acqua e riempi la bottiglia più volte durante la giornata.

Bere in ufficio è fondamentale per idratare l’organismo

Idratarsi quando si fa sport all’aperto

Gli amanti dello sport sono restii a rinunciare ad un allenamento e può capitare di vederli correre anche sotto il sole cocente. Durante l’estate i valori di disidratazione di cui vi avevamo parlato nell’articolo “Quanto bisogna bere quando si fa sport?” aumentano a dismisura, per questo è importante raddoppiare le quantità di acqua da bere dopo l’allentamento e mangiare molta più frutta e verdura per non dover rinunciare alla propria passione. Inoltre, per non rischiare un colpo di calore durante un allenamento, è bene fare sport indossando una fascia bagnata che tiene fresca la testa e dona sollievo.

Il consiglio in più: se proprio non vuoi rinunciare alla tua sessione di sport all’aria aperta, d’estate ti consigliamo di correre, nuotare o andare in bicicletta al mattino presto o la sera, evitando il più possibile di fare esercizio fisico tra mezzogiorno e le quattro del pomeriggio, il momento più caldo della giornata.

D’estate la disidratazione sportiva raddoppia a causa del caldo esterno

Idratarsi a casa

Con il caldo di queste settimane si suda addirittura stando sul divano! Il nostro corpo, infatti, non riesce a sopportare il caldo esterno e fa evaporare l’acqua sotto forma di sudore per termoregolare l’organismo. Anche se si è in casa e non si fanno sforzi fisici, quindi, è bene bere molto per evitare la disidratazione ed aiutare il nostro corpo a mantenere una temperatura costante. Come? Ricordandosi di bere ad intervalli regolari anche quando ci si rilassa leggendo un libro o guardando la tv.

D’estate il rischio di disidratazione è alto anche quando si sta a casa

Le alternative all’acqua

Bere acqua fresca è la soluzione ottimale per idratare l’organismo, ma molti di noi fanno fatica a bere intere bottiglie. L’acqua del rubinetto non filtrata o un’acqua naturale scelta con poca attenzione, infatti, può appesantire e dare un fastidioso senso di nausea che ci porta a smettere di bere. Cosa possiamo fare per mantenerci idratati se preferiamo non bere acqua? Le alternative sono tante:

Scegli la soluzione più in linea con i tuoi gusti, ma non dimenticare di idratare il tuo organismo per restare sano e attivo anche quando fuori ci sono 40°.

Per idratarsi puoi bere bevande detox, mangiare frutta e verdura o preparare una granita fatta in casa

Potrebbe Interessarti Anche: