Purtroppo c’è da riconoscerlo: fiumi, laghi e mari sono più o meno inquinati da numerose sostanze chimiche alcune delle quali sono addirittura tossiche o cancerogene.

COM’È POSSIBILE CHE UN BENE COSÌ PREZIOSO COME L’ACQUA SIA STATO COMPROMESSO TAL PUNTO DA COSTITUIRE UN SERIO PERICOLO PER LA SALUTE UMANA?
La risposta a questa inquietante domanda la troviamo nel ”ciclo dell’acqua” ovvero nel percorso che l’acqua compie dal rubinetto del cielo a quello di casa nostra.
Per meglio comprendere cosa succede alla nostra acqua lungo tutto il suo percorso bisogna ricordarsi che l’acqua è un potente solvente capace di diluire e imprigionare la gran parte degli elementi chimici coi quali entra in contatto.
Ebbene sotto l’azione riscaldante del sole l’acqua dei laghi dei fiumi e dei mari evapora formando i sistemi nuvolosi e poi attraversano l’atmosfera sospinti dai venti.
Quando queste masse di micro gocce d’acqua incontrano degli elementi inquinanti presenti nell’aria in forma gassosa si diluiscono e li catturano trascinandoli con se poi precipitano sotto forma di pioggia neve o grandine.
Già così arricchita e appesantita da queste prime sostanze inquinanti l’acqua per recepita al suolo e inizia a infiltrarsi nel terreno per raggiungere la falda idrica.
Una volta i terreni erano dei veri e propri filtri biologici… una volta… ma oggi sono stati trasformati in un ricettacolo di sostanze inquinanti prodotti dagli scarichi industriali, dall’uso massiccio di pesticidi e fertilizzanti in agricoltura, dagli scarichi di liquami prodotti della zootecnica dalle reti fognarie urbane.

Attraversando questi terreni l’acqua subisce un ulteriore carico di inquinanti: nitrati, detergenti, solventi, pesticidi, concimi, chimici, idrocarburi, eccetera.
Raggiunta la falda idrica sotterranea l’acqua inizia a scorrere su strati di roccia dalle quali esporta i trascina con sé una serie di minerali inorganici considerate sostanze inquinanti perché non assimilabili dalle cellule umane.
Tra i sali minerali inorganici ricordiamo calcio, magnesio, silice, ferro, sanganese, rame, zolfo, sodio e cobalto.
Al termine di questo percorso l’acqua ha Dunque subito tre tipi di inquinamento:

  1. inquinamento aereo
  2. inquinamento terrestre
  3. inquinamento minerale.

I primi due tipi di inquinamento sono evidentemente dovute all’opera e all’incuria dell’uomo, mentre il terzo tipo di inquinamento ovviamente legato alla conformazione geologica del sottosuolo roccioso sul quale scorre la falda idrica.
Effettivamente messa giù così la situazione sembra grave, gli acquedotto svolgono al meglio il lavoro che gli è possibile fare, per il resto affidatevi ai consulenti esperti della nostra azienda che da trent’anni si occupano della vostra salute e quella della vostra famiglia con servizi gratuiti i analisi dell’acqua della vostra abitazione.
NUMERO VERDE 800 300 883

  • ottobre 16, 2017by Aqua e Salute
  • 0

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *