Quando l’acqua, dalla sorgente, scorre attraverso rocce porose, alcuni minerali in esse contenuti tendono a sciogliersi in essa, indurendola. L’addolcitore classico è detto ”a scambio ionico” perché le resine presenti nel serbatoio trattengono gli ioni di calcio e magnesio, causa della durezza e della formazione del calcare, e li sostituiscono con ioni di sodio. L’acqua dura contiene un eccesso di sali minerali come calcio e magnesio alla base di molti disagi quotidiani come l’utilizzo dei saponi, detersivi, la perdita di efficacia degli elettrodomestici.

Scopo di un addolcitore è addolcire l’acqua. In Italia sono tante le zone che hanno una percentuale di durezza dell’acqua abbastanza elevata, la maggior parte delle regioni italiane ha un range di valori dell’acqua che va dai 15°f, mediamente dura, a oltre i 35°f, molto dura.

I benefici di un’acqua addolcita:

Risparmio energetico e maggiore durata degli elettrodomestici che utilizzano acqua.

La biancheria e i vestiti sono più soffici senza dover usare l’ammorbidente evitando così che sostanze chimiche finiscano a contatto con la pelle.

La pulizia e la gestione della casa diventano più semplici senza più macchie di calcare sulle superfici del bagno e della cucina.

I piatti sono brillanti così come l’argenteria.

I capelli e la pelle sono più morbidi senza che ci sia bisogno di idratarli continuamente.

Il consumo di detersivi e saponi è ridotto del 50%, per uno stile di vita più eco-friendly.

Contatta Aqua e Salute per scoprire quanto è dura l’acqua di casa tua ritirando gratuitamente il buono al numero verde 800300883.

  • ottobre 16, 2017by Aqua e Salute
  • 0

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *