Uno dei punti di forza del sistema di lavaggio ad ozono Cleanstart è quello di riuscire in concreto a ridurre i consumi senza per questo dover abbassare in alcun modo le prestazioni o rinunciare ad alti standard qualitativi. Grazie al sistema di lavaggio ad ozono Cleanstart chiunque potrà impiegare solo acqua fredda godendo così di un notevole e non scontato risparmio energetico. Al risparmio energetico bisognerà poi anche aggiungere il risparmio derivante dalla minore quantità necessaria di detergenti e ammorbidenti.

Spesso molti pensano al risparmio con scetticismo, credendo che porti a un inevitabile abbassamento della qualità. Si tratta solo di una falsa credenza in quanto con gli impianti per lavaggio ad ozono Cleanstart disponibili in Emilia Romagna, Veneto e Toscana si potrà contare su un pulito duraturo e sicuro riducendo al massimo l’utilizzo dei prodotti chimici. In questo modo si potranno anche ridurre le irritazioni della pelle più diffuse e si potrà porre un freno all’usura dei capi di abbigliamento. Ma come funziona esattamente il sistema di lavaggio ad ozono di Cleanstart? L’acqua è la protagonista assoluta in quanto viene trasformata in un vero e proprio detergente igienizzante mediante l’iniezione di una quantità controllata di ozono nell’acqua di lavaggio.

Perché proprio l’ozono? Semplice, si tratta dell’agente naturale esistente più sicuro e ossidante e garantirà un bucato più pulito e più igienizzato. Tanto per far capire le potenzialità di risparmio si pensi che il lavaggio ad ozono Cleanstart consente di ridurre notevolmente i consumi della lavatrice (da 3 ore a 30 minuti!). Una famiglia media composta da 4 persone che utilizza il lavaggio ad ozono potrebbe arrivare a risparmiare anche 650 euro all’anno, per non parlare della maggiore durata dei capi dovuta all’assenza dei prodotti chimici. Infine il lavaggio ad ozono è anche un modo per voler bene all’ambiente in quanto consente di ridurre gli scarichi dovuti all’impiego di detergenti e contenitori di plastica negli oceani.

  • novembre 2, 2018by Aqua e Salute
  • 0

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *