Risparmiare a tavola: 6 buone abitudini per risparmiare senza rinunce

6 buone abitudini per risparmiare senza fatica

Risparmiare non significa solo sacrifici e fatica. Se impari queste 6 abitudini in cucina, puoi risparmiare, migliorare la tua qualità di vita e rispettare l’ambiente senza perdere il buonumore.

1) Bevi il caffè a casa

Tutte le mattine ci alziamo, ci prepariamo, usciamo in fretta e beviamo un caffè di corsa al bar sotto l’ufficio. Questo ci fa spendere circa 1 euro e venti al giorno, 26 euro al mese, più di 300 euro all’anno. Alzandoti cinque minuti prima al mattino e investendo in una buona macchina del caffè, puoi risvegliare i tuoi sensi ancor prima di uscire di casa e risparmiare. Inoltre, se prepari il caffè con acqua filtrata, anche il gusto e l’aroma del tuo caffè fatto in casa sarà migliore di quello del bar.

2) Usa contenitori in vetro

La seconda abitudine che ci fa sperperare un sacco di soldi a tavola riguarda la conservazione dei cibi. Siamo abituati ad utilizzare contenitori in plastica convinti che siano più igienici, più resistenti e più duraturi. In realtà i contenitori in plastica si consumano con il tempo, si scoloriscono, modificano il sapore dei cibi, i loro coperchi si sformano e non garantiscono più la chiusura ermetica, per non parlare del loro smaltimento che inquina i nostri mari. Se scegli recipienti in vetro, invece, farai un investimento una volta per tutte e potrai anche mangiare cibo conservato in contenitori più sani che non modificano il gusto dei tuoi piatti preferiti!

3) Dimentica la carta stagnola e la pellicola

Per quanto riguarda la conservazione dei cibi, puoi risparmiare ancora di più dimenticando l’esistenza della carta stagnola o della pellicola. Impara ad utilizzare i contenitori in vetro che ti abbiamo consigliato per confezionare anche i tuoi pranzi fuori casa, come i pic-nic o i pranzi in ufficio, e potrai cancellare dalla lista della spesa rotoli di materiale inquinante usa e getta.

Per risparmiare in cucina usa contenitori in vetro e dimentica la carta argentata

4) Porta il tuo sacchetto quando fai la spesa

Sempre nell’ottica di ridurre il consumo di plastica che ti fa sprecare soldi e inquina l’ambiente, scegli di fare la spesa portando il tuo sacchetto da casa. Una busta in plastica costa circa 15 centesimi e ha una vita media di 15 minuti. Ne vale la pena? Con un sacchetto riutilizzabile risparmi questa spesa inutile e rendi i tuoi acquisti più colorati ed allegri con una borsa che rispecchia la tua personalità!

5) Usa un depuratore e smetti di acquistare bottiglie d’acqua

Il momento dei pasti è quello in cui consumiamo più soldi senza motivo. Anche quando beviamo da bottigliette in plastica, infatti, usiamo materiale usa e getta altamente inquinante, e lo paghiamo caro: bottiglia, tappo ed etichetta costano più dell’acqua effettivamente contenuta. La soluzione? Scegli di installare un depuratore d’acqua domestico come il depuratore Fresh Power e bevi l’acqua direttamente dal rubinetto per dissetarti con gusto, senza inutili spese di confezionamento e nel pieno rispetto dell’ambiente.

Installa un depuratore e bevi l’acqua del lavandino

6) Evita i tovaglioli di carta

Anche la carta può essere una spesa che puoi facilmente contenere per risparmiare e per tutelare le nostre foreste dal disboscamento. Utilizza tovaglie e tovaglioli di stoffa invece che ti carta, così facendo puoi:

  • Ottimizzare la spesa iniziale;
  • Ridurre lo spreco di coloranti ed addittivi per la produzione dei tovaglioli;
  • Riutilizzare i tovaglioli;
  • Lavarli con prodotti ecologici che costano meno, lavano meglio e non inquinano.
Scegli tovaglie e tovaglioli di stoffa da riutilizzare

Abbandona le bottiglie di plastica a favore di un depuratore d’acqua Aqua e Salute.

Potrebbe Interessarti Anche: