CLORO, NITRATI, PIOMBO, IL CALCARE, I FAMOSISSIMI PFAS E IL PARADOSSALE INQUINAMENTO DELL ACQUE MINERALI CHE ACQUISTIAMO IN COMMERCIO, CI RENDONO CONFUSI E DIFFIDENTI.
Per questo, oggi, vi vogliamo dare un’interessante informativa per quella che potrebbe essere la soluzione, grazie alle moderne e collaudate tecnologie, per risolvere facilmente e definitivamente il gravissimo problema dell’acqua inquinata, trasformando il rubinetto di casa in una sorgente di acqua pura è sicura sia per bere che per cucinare. Esistono degli impianti di depurazione domestica, meglio sarebbe definirli sistemi, che risolvono qualsiasi tipo di contaminazione chimica, fisica o microbiologica subita dall’acqua. La depurazione domestica dell’acqua, facile da attuare è per nulla costosa come erroneamente si pensa, può essere effettuata sull’acqua alimentare (quella che esce dal rubinetto della cucina) oppure sull’acqua tecnologica (quella che viene utilizzata per gli elettrodomestici e la caldaia).
È importante sapere che non si dovrebbe installare un qualsiasi impianto per il trattamento dell’acqua se prima non è stata analizzata l’acqua della trattare.

Le uniche apparecchiature autorizzate al trattamento domestico dell’acqua sono quelle previste dal decreto ministeriale numero 443 del 21 dicembre 1990:

ADDOLCITORI A SCAMBIO IONICO
DOSATORI DI REAGENTI CHIMICI
SISTEMI AD OSMOSI INVERSA
FILTRI MECCANICI
SISTEMI FISICI
FILTRI A CARBONE ATTIVO
FILTRI A STRUTTURA COMPOSTA

E bene ricordare che al fine di tutelare la salute la legge ammette solo le apparecchiature che rispettano anche i seguenti condizioni di carattere generale:
1. I parametri relativi alle sostanze contenute nell’acqua in uscita dagli impianti che la trattano devono essere contenute nei limiti stabiliti dalle normative vigenti.
2. Gli impianti devono essere ubicati in posizione igienicamente idonea
3. Gli impianti devono essere costruiti con materiali idonei al contatto con sostanze alimentari e rispondente alle normative vigenti.
4. Impianti devono essere dotati di un sistema by-pass e di dispositivi di non ritorno dell’acqua trattata
5. Installazione delle apparecchiature deve essere effettuata da personale qualificato in grado di rilasciare l’opportuna certificazione.
6. L’avvenuta installazione delle apparecchiature deve essere notificata alle competenti autorità sanitarie.

Contatta il numero verde 800 300 883 per ricevere maggiori informazioni e un servizio gratuito d’analisi dell’acqua di casa tua.

  • ottobre 16, 2017by Aqua e Salute
  • 0

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *